Ultime opinioni a confronto



  • "Il modello valenziale a scuola"

    di Maria Piscitelli | del 13/09/2019
    Ieri, 12 settembre 2019, si è svolto a Firenze presso il Liceo Scientifico " G. Castelnuovo" il seminario sulla grammatica valenziale: "Il modello valenziale a scuola". Come attivare processi di scoperta ”intelligenti” dei funzionamenti della lingua? Il seminario si è aperto con i saluti della Dirigente del Liceo Scientifico Maria Giuseppina Delle Rose, che ci ha come sempre gentilmente ospitati, e del presidente del Cidi Giuseppe Bagni, che ha comunicato alcune decisioni importanti sulla scuola. A seguire sono intervenuti la ricercatrice Indire Loredana Camizzi, che ha citato i lavori effettuati dall'Indire sulla Grammatica valenziale e la Dott.ssa Jessica...
    continua
  • Con Elena, sempre

    Con Elena, sempre

    di Cidi di Firenze | del 28/05/2019
    Elena era per noi una persona unica. Unica nel suo lavoro, unica nel modo di rapportarsi agli altri, unica nella vita che conduceva. Ogni donna e ogni uomo sono unici e in qualche modo speciali. Ma Elena era particolarmente speciale. Ricordiamo la sua passione, una grande passione, civile e professionale. Una passione intensa, mossa da semplici e chiari ideali, sempre concretizzata nell’agire giorno dopo giorno a casa, a scuola, nel territorio. Credeva fortemente in ciò che faceva e sapeva comunicare questa sua credenza, civile e professionale, a...
    continua
  • Giù le mani!

    Giù le mani!

    di Giuseppe Bagni, Mario Ambel | del 23/05/2019
    - Ci associamo agli interventi di Giuseppe Bagni presidente nazionale del CIDI e di Mario Ambel direttore di Insegnare--Giuseppe Bagni presidente nazionale del CIDI- Non saremo mai i vostri catechisti. “Mancata sorveglianza”. Da non credere. Quindi la docente di Palermo è stata sospesa perché doveva “sorvegliare” i suoi studenti quattordicenni e ha omesso questa che evidentemente...
    continua
  • Un augurio a tutti con le parole di G. Rodari

    Un augurio a tutti con le parole di G. Rodari

    di Maria Piscitelli | del 19/12/2018
    Il mago di Natale    S’io fossi il mago di Natale farei spuntare un albero di Natale in ogni casa, in ogni appartamento dalle piastrelle del pavimento,ma non l’alberello finto,di plastica, dipinto che vendono adesso all’upim:un vero abete, un pino di montagna,con un po’ di vento vero impigliato tra i rami,che mandi profumo di resinain tutte le camere,e sui rami i magici frutti: regali per tutti. Poi con la mia bacchetta me...
    continua