Poesia

Francia, Parigi, foto di Benedetta Martini

 Pizzicheria

 Etto grammo, kilo, mezzo kilo,
cacio burro prosciutto salame
acciughe salacche, baccalà...
sono parole del gergo
di questo untuoso reame.
- Mi serve o non mi serve, diobonino,
ò  tanta fretta!
-  Aspetti...
- Mi dia retta. .
S'incazza una servetta,
una s'acqueta.
E il salumaio dietro il banco

 affetta affetta affetta.

 

- Il solito formaggio,
ma con poca corteccia.
E con sicura mano
apre una breccia

 nel parmigiano.
Molla e tira, tira e molla,
poca corteccia e dimolta midolla.
Aver fretta ed aspettare,
pesare tagliare affettare
entrare andar via,
sono le note della vecchia sinfonia
d’ un’antica pizzicheria.

 

Mamma mia!

 E che poesia

 volete che ci sia

 in un negozio di pizzicheria?

 Se diceste di fiori o seteria…

 se aveste detto in quello dell’antichità,

 certo ce ne sarà,

 ma non in quello lì

 venite via

  per carità!

 

 A.Palazzeschi, Frammento da Pizzicheria, Poesie (1910-1915), in Tutte le poesie,
a c. di un saggio introduttivo di A. Dei, Milano, A. Mondadori, I Meridiani, 2002 pp. 333-334.

 

La madre panza

 

Vedete quel’ometto sur cantone
che se guarda la panza e se l’alliscia
con una specie de venerazzione?
Quello è un droghiere ch’ha mischiato spesso
er zucchero cόr gesso
e s’è fatta una bella posizzione.
Se chiama Checco e è un omo che je piace
d’esse lasciato in pace.
Qualunque cosa che succede ar monno
poco je preme: in fonno
nun vive che per quella
panzetta abbottatella.


E la panza j’ha preso er sopravvento
sur core e sur cervello, tant’è vero
che, quanno cerca d’esternà un pensiero
o deve espone quarche sentimento,
tiè d’occhio la trippetta e piano piano
l’attasta co’ la mano
perché l’ajuti ner raggionamento.

Quanno scoppiò la guerra l’incontrai.
Dico: - Ce semo… - Eh, - fece lui – me pare
che l’affare se mette male assai.
Mό stamo a la finestra, ma se poi
toccasse pure a noi?
Sarebbe un guajo! In tutte le maniere,
come italiano e come cittadino
io credo d’avé fatto er mi’ dovere.
Prova ne sia ch’ho proveduto a tutto:
ho preso l’ojo, er vino,
la pasta, li facioli, er pecorino,
er baccalà, lo strutto…. –

E con un’aria seria e pensierosa
aggricciò l’occhi come pe’ rivede
se nun s’era scordato quarche cosa.
Perché, Checco, è così: vô la sostanza,
e unisce sempre ne la stessa fede
la Madre Patria co’ la Madre Panza.

 

Trilussa, La madre panza, Da la guerra a la pace ( 1914-1919),in  Le più belle poesie di Trilussa,
a c. di C. Damiani, Milano, A.Mondadori, 2000, pp. 142-143

 

Acqua e vino

Se certe sere bevo troppo e er vino
me ne  fa quarchiduna de le sue,
benché sto solo me ritrovo in due
con un me stesso che me viè vicino
e muro-muro m’accompagna a casa
pe’ sfuggì da la gente ficcanasa.

Io, se capisce, rido e me la canto,
ma lui ce sforma e pe’ de più me scoccia:
- Nun senti che te gira la capoccia?
Quanno la finirai de beve tanto?
- È  vero, - dico – ma pe’ me è una cura
contro la noja e contro la paura.

Der resto tu lo sai come me piace!
Quanno me trovo de cattivo umore
un bon goccetto m’arillegra er core,
m’empie de gioja e me ridà la pace:
nun vedo più nessuno e in quer momento
dico le cose come me la sento.

- E questo è er guajo! – dice lui – Più bevi
più te monti la testa e più discorri
e nun pensi ar pericolo che corri
quanno spiattelli quello che nun devi;
sei sincero, va be’, ma ar giorno d’oggi
come rimani se nun ciai l’appoggi?

Impara da Zi’ Checco: quello è un omo
ch’usa prudenza e se controlla in tutto:
se pensa ch’er compare è un farabbutto
te dice ch’er compare è un galantomo,
in modo ch’er medesimo pensiero
je nasce bianco e scappa fôri nero.

Tu, invece, quanno bevi co’ l’amichi,
svaghi, te butti a pesce e nun fai caso
se ce n’è quarchiduno un po’ da naso
pronto a pesà le buggere che dichi,
che magara t’approva e sotto sotto
pija l’appunti e soffia ner pancotto.

Stasera, a cena, hai detto quela favola
der Pidocchio e la Piattola in pensione:
ma te pare una bell’educazzione
de nominà ‘ste bestie proprio a tavola
senza nemmanco un occhio de riguardo
pe’ l’amichi che magneno? È un azzardo!

Co’ tutto che c’è sotto la morale
la porcheria rimane porcheria:
e se quarcuno de la compagnia
se sente un po’ pidocchio, resta male.
Co’ la piattola è peggio! Quanta gente
vive sur pelo e nun sapemo gnente?

Le verità so’ belle, se capisce,
ma pure in quelle ciabbisogna un freno.
Eh! se ner monno se parlasse meno
quante cose annerebbero più lisce!
Ch’er Padreterno te la manni bona
da li discorsi fatti a la carlona! –

E ammalappena er vino che ciò in testa
sfuma nell’aria e me ritrovo solo
capisco d’avé torto e me consolo
che in un’epoca nera come questa
s’incontri ancora quarche bon cristiano
che, se sto pe’ cascà, me dà una mano.


Trilussa, Acqua e vino (1944), Le più belle poesie di Trilussa,

a c. di C. Damiani, Milano, A. Mondadori, 2000, pp. 219-221