Poesie




Salat olivier

Ricetta russa

cinformi

caricato il 27 apr. 2011

Video realizzato dal Centro informativo per l'immigrazione della Provincia autonoma di Trento nell'ambito del programma televisivo "Mondi in Trentino"
http://youtu.be/wBS0c_oGlHI
 

 

Schwächen....

Du hattest keine

Ich hatte eine:

Ich liebte

 

Debolezze

Tu non ne avevi.

Io ne avevo una:

amavo.

(Poesie, 1947-1956)

B. Brecht, Poesie, Milano, RCS, 2004, p. 277

 

 

 

 

 

Sensation

Par les soirs bleus d'été, j'irai dans les sentiers
Picoté par les blés, fouler l'herbe menue:
Rêveur, j'en sentirai la fraîcheur à mes pieds.
Je laisserai le vent baigner ma tête nue.

Je ne parlerai pas, je ne penserai rien:
Mais l'amour infini me montera dans l'âme,
Et j'irai loin, bien loin, comme un bohémien,
Par la nature,- heureux comme avec une femme.

Mars 1870
A. Rimbaud, Opere, a c. di D. Grange Fiori, Sensation, Poésies, Milano, A. Mondadori,
2012, p.10


Smorzando

S’udivano ormai lontane

e quasi senza rumore..

 

Fucilate d’amore

nel brivido del fogliame

mosso dal soffio delle ore.

(Da Abendempfindung)

 

G. Caproni, Poesie, Milano, TEA, 2004, p.158.

Sognando l'Africa

francesco ciccotti
caricato in data 14/dic/2009

Reportage fotografico di una settimana da Mombasa a Malindi attraversando i parchi del Kenya in un video di 5 minuti
http://youtu.be/wzfcDieQKas

 

Sole

 Vorrei girar la Spagna 

sotto un ombrello rosso. 
Vorrei girar l’Italia 
sotto un ombrello verde. 
Con una barchettina, 
sotto un ombrello azzurro, 
vorrei passare il mare: 
giungere al Partenone

 sotto un ombrello rosa

 cadente di viole.


 A. Palazzeschi, Tutte le poesie, I Meridiani, Milano, Mondadori, 2002.



Sono un viandante

Sono un viandante. 

Nessuno mi fermerà:
Illusione sono le gioie e i dolori. 
Senza casa sempre camminerò; 
la zavorra che mi trae in basso 
cadrà dispersa in terra. 

Sono un viandante. 
Per la strada canto a piena voce, 
a cuore aperto, 
libero dalle catene dei desideri; 
attraverso il bene e il male 
camminerò tra gli uomini. 

Sono un viandante. 
Svanirà ogni fatica. 
Un canto sconosciuto 
dal cielo lontano mi chiama; 
una soave voce di flauto 
mattina e sera incanta l'anima. 

Sono un viandante. 
Un mattino sono uscito

ch'era ancor buio, 
ancor prima del canto degli uccelli. 
Sopra l'oscurità, immobile 
vegliava una pupilla. 

Sono un viandante. 
Una sera arriverò 
dove brillano nuove stelle, 
dove olezza un nuovo profumo; 
dove due occhi sempre 
mi guardano dolcemente. 

R.Tagore,  Gorai Nodi, 11 luglio 1910, da Gitanjali, Il poeta è un viandante, in Poesie, R.Tagore, Traduzioni di A.Guidi, B. Neroni, M. Rigon, E. Soletta Vannucci, Milano, RCS Quotidiani, S.p.A, 2004, pp. 154-155.

 

 

Sono una creatura

G. Ungaretti
recitata da G. Ungaretti
Valloncello di Cima Quattro il 5 agosto 1916

http://www.youtube.com/watch?v=PBhYlys5nCk&feature=related


La madre
G. Ungaretti
da " Sentimento del tempo"
recitata da G. Ungaretti

http://www.youtube.com/watch?v=TApDhjfCufQ&feature=fvwrel

caricato da
in data 08/set/2011


 Una poesia di Ungaretti

Intervista tratta dalla trasmissione televisiva "L'approdo" (1969),

 in cui il poeta Giuseppe Ungaretti recita una sua poesia, in presenza della nipotina Anna

http://www.youtube.com/watch?v=ICAwEI3EXq0&feature=related 

Sotto questa voce sono raccolte

proposte annuali, organiche, aperte e flessibili, reperibili nei volumi indicati. Le suddette proposte sono state sperimentate, con successo e da oltre dieci anni, in molte scuole della Toscana e di altre regioni italiane. 

Molte sono comunque le realizzazioni dei docenti, necessariamente diverse tra loro, a cui, oltre alla versione integrale (annuale) aggiungiamo esperienze e segmenti curricolari svolti sempre all'interno delle proposte riportate, relativa
mente ai diversi ordini di scuola. 

In questa voce sono state inserite anche 
attività di vario tipo, legate alle abilità linguistiche o ad altre tematiche. 
Completano la visione d'insieme materiali d'aula, documenti, interventi in convegni, seminari, gionate pedagogiche e segnalazioni di link 
You tube, didatticamente utili.


Sotto un cielo

 Sotto un cielo

tutto azzurro

cosa aspetto

cosa anelo?

Tutto è pace

ma c’è un velo

di tristezza

che non chiedo.

 

(Da Stranezze, 2)

 

S. Penna, Poesie, Milano, Garzanti, 2000, p. 394

  




Stasera per un attimo

Stasera, per un attimo,

sul palcoscenico aperto

hai danzato per me.


Tra le povere scene di carta,

sotto le luci false,

nel frastuono di note e nel respiro

della folla piegata,
s'è fatta per un attimo

una pausa altissima,

un brivido di estatica purezza,

e hai sfiorato i tappeti

in un cielo d'aurora.

 
Sei stata per me, un attimo,

la raffica di musica

che da una porta schiusa

si riversa in un turbine

nella strada notturna.


Per un attimo solo,

in una luce splendida,
poi sei tornata nuda.


[ 15 giugno1928]

 

C. Pavese, Stasera per un attimo, Le febbri di decadenza, Prima di " Lavorare stanca" 1923-1930,
in Le poesie, Pavese,
a c. di M. Masoero, Introduzione di M. Guglielmetti,
Torino, Einaudi, 1998, p. 246

Stelle

Tornano in alto ad ardere le favole. 
Cadranno le foglie al primo vento. 
Ma venga un altro soffio, 
Ritornerà scintillamento nuovo.

 1927.

 

G. Ungaretti, Sogni e accordi, Sentimento del Tempo, Poesie, Milano, RCS, 2004.




Stelle senza nome

 I nomi delle stesse sono belli:
Sirio, Andromeda, l'Orsa, i due Gemelli.

Chi mai potrebbe dirli tutti in fila?
Son più di cento volte centomila.

E in fondo al cielo, non so dove e come,

c'è un milione di stelle senza nome:

stelle comuni, nessuno le cura,
ma per loro la notte è meno scura.

G. Rodari, Filastrocche in cielo e in terra, Torino, Einaudi, 1996, p. 44

 

Sul prato

È così scarso quest’ottobre il caldo

del sole, che al pallore tuo non giova,

bimba, sul prato color di smeraldo.

 

Ivi è un ruscello; a una domanda tua

io rispondo che è molta acqua di piova.

Tu mi chiedi se corre a casa sua.

 

O mi chiami onde in gran fretta si vada

qualche passo più in là sull’ampia terra,

dove quei maschi giocano alla guerra,

e le bambine come te alla casa.
 

U. Saba, La serena disperazione, Il Canzoniere, Tutte le poesie, Milano, A. Mondadori, I Meridiani, 1988, p.151.

Tabacchino Tabacchini,

 Tabacchino, tabacchini,

con due occhini piccolini piccolini,

due minuscoli arricciati baffettini;

quando ride gli si vedon due dentini.

 

A. Palazzeschi, Tabacchino Tabacchini, Caricature, Galleria Palazzeschi in Tutte le poesie, Milano, A. Mondadori, I Meridiani, 2002, p.127.