Ultime opinioni a confronto



  • Grazie, Professoressa

    Grazie, Professoressa

    di Maria Piscitelli e del gruppo di ricerca e sperimentazione linguistica del Cidi di Firenze | del 12/12/2017
     Il 30 novembre 2017 è venuta a mancare una grande linguista, che l'Università di Bologna  ricorda come "studiosa di ampio respiro e di grande finezza che ha contribuito, con le sue numerose pubblicazioni scientifiche (sulla lingua della scienza, la linguistica applicata alla didattica dell’italiano, la lingua letteraria e del teatro), alla formazione di generazioni di studiosi e insegnanti" [... ] "I volumi sulla lingua di scienziati italiani (Guglielmo volgare, Galileo, Francesco Redi) rimangono come un punto di riferimento per la storia della lingua"(http://www.magazine.unibo.it/archivio/2017/11/30/lutto-in-ateneo-e-scomparsa-la-prof-ssa-maria-luisa-altieri-biagi).
    continua
  • Il concorso truccato per magistrati. Un avvocato svela la truffa del 1992

    Il concorso truccato per magistrati. Un avvocato svela la truffa del 1992

    di Selma Chiosso | del 28/09/2017
    Segnalo quest'interessante articolo di Selma Chiosso sul pessimo funzionamento dei concorsi in Italia (La Stampa 28-9- 2017).   "Era vestita di bianco, Francesca Morvillo. È il 23 maggio 1992 e all’hotel Ergife di Roma è...
    continua
  • Temi e riassunti

    Temi e riassunti

    di Giuseppe Bagni | del 28/09/2017
    Giuseppe Bagni risponde alle dichiarazioni del prof. Serianni.   "Su La Repubblica del 18 settembre 2017 si legge: 'Meno temi e più riassunti in classe. Per 'allenare i ragazzi a strutturare un testo'. (La svolta di Mister italiano, 'Dalle medie alla maturità meno temi e più riassunti'). Mister italiano sarebbe l'illustre studioso Luca Serianni, che  avendo ricevuto dal Miur l'incarico di consulente per l'apprendimento della lingua italiana, propone di arginare le carenze linguistiche più gravi degli studenti con...
    continua
  • Il trucco dei baroni

    Il trucco dei baroni

    di Sergio Rizzo | del 27/09/2017
    A seguire un altro articolo pubblicato da Sergio Rizzo (Repubblica, 27-9-2017) sulla credibilità delle istituzioni universitarie che purtroppo ci disonorano. Le Università dovrebbero essere, come scrive S. Rizzo," l'incubatore del progresso sociale in tutti i Paesi avanzati". Mentre, da quanto si legge e molti di noi hanno direttamente o indirettamente sperimentato, l'Università "si è ridotta alla stregua di un mercato che funziona sullo scambio di favori a seconda delle rispettive convenienze perché da lì scaturiscono incarichi, denaro, potere. Perdendo di vista la missione e il ruolo dell'insegnamento accademico in...
    continua